more//

Dettaglio news

27 Aprile 2017

OMEGA “LOST IN SPACE”

Indietro

OMEGA celebra i 60 anni dello Speedmaster insieme a George Clooney e Buzz Aldrin

   

Mercoledì 26 aprile: in un universo di luci e suoni, OMEGA ha celebrato a Londra con una serata all’insegna delle stelle, il 60° anniversario dell’iconico Speedmaster. George Clooney e Buzz Aldrin sono stati gli ospiti d’onore dell’evento "Lost in Space" che ha reso omaggio all’ineguagliabile storia dello Speedmaster nell’esplorazione dello spazio.  

La serata, condotta dal professor Brian Cox, si è svolta in una Tate Modern completamente trasformata, per offrire agli ospiti una vera e propria esperienza sensoriale. All’interno della location, dall’aspetto elegante e futuristico, i protagonisti sono stati i 60 modelli di Speedmaster dal 1957 al 2017.

 Raynald Aeschlimann, Presidente e CEO di OMEGA, è stato il primo a salire sul palco per dare il benvenuto agli ospiti con le sue riflessioni riguardo al cronografo più iconico del brand:

"Lo Speedmaster è un orologio ricco di significato. Non solo per OMEGA, ma per tutti gli uomini e le donne che l’hanno indossato e che gli hanno dato fiducia. Anche dopo 60 anni, la sua forza e il suo carisma non sono diminuiti. Siamo orgogliosi di ospitare un evento di tale portata e di poterlo condividere con i più grandi fans dello Speedmaster".

Lo Speedmaster ha una lunga e variegate storia. Il modello originale è stato il primo orologio al mondo con la scala tachimetrica sulla lunetta. Dal quel momento il design ha superato la prova del tempo ed è stato indossato da astronauti, piloti, esploratori, atleti e attori, così come da una community di fans in continuo aumento in tutto il mondo. Senza dimenticare che nel momento in cui Neil Armstrong e Buzz Aldrin, durante la missione Apollo 11 nel 1969, hanno posato il primo passo dell’uomo sulla luna, lo Speedmaster è diventato il primo orologio indossato sulla Luna.

"Non avevamo paura, anzi eravamo fieri di poter rappresentare l’umanità e di avere le capacità e la conoscenza per portare a termine qualcosa di significativo per noi come astronauti, ma anche per tutte le altre persone".

Accanto a Buzz, George Clooney, fan appassionato dello Speedmaster e da una vita intera dell’esplorazione dello spazio. Sin da bambino le missioni Apollo e l’OMEGA Speedmaster sono stati tra i suoi ricordi più cari.

"Gli Speedmaster sono stati una parte importante della mia infanzia. Mio zio e mio padre li indossavano perché rappresentavano un pezzo di storia dell’allunaggio. Mio padre mi regalò lo Speedmaster il giorno del mio diploma. Ci sono tutte le ragioni per innamorarsene, si tratta di un orologio davvero elegante. Io lo amo particolarmente per la sua storia".

Alla domanda riguardo ai suoi ricordi dell’allunaggio George ha fatto il suo personale omaggio a Buzz: "Quello che hai fatto è stato importante per tutti noi, non ti potrò mai ringraziare abbastanza per il tuo coraggio, la tua leadership e per tutto quello che hai fatto".

Sono più di 50 che anni che si fa affidamento sullo Speedmaster come strumento fondamentale nello spazio. Nel 1965 l’orologio è stato testato e certificato dalla NASA per tutte le missioni spaziali con equipaggio. La persona incaricata di questo processo, l’ex-ingegnere della NASA James Ragan, presente a Londra, ha raccontato agli ospiti la reputazione dello Speedmaster all’interno della NASA: "Di tutti gli orologi testati nel 1965, lo Speedmaster è stato l’unico ad aver superato tutte le prove. Tutti gli altri sono stati eliminati al primissimo test, quindi si è guadagnato un’ottima reputazione alla NASA e tutt’oggi è ancora utilizzato nello spazio, questo ci dice tutto riguardo l’orologio".

Tra i vari fans VIP e ospiti della serata: l’attrice americana Liv Tyler; l’attrice inglese Gemma Arterton; la cantante inglese Ellie Goulding; l’attrice francese Clemence Poesy; l’attrice inglese Joely Richardson; la cantante inglese Pixie Lott; la modella americana Arizona Muse; la modella inglese Erin O’Connor; il modello inglese David Gandy; l’attrice inglese Laura Carmichael; la modella inglese Amber Le Bon; l’influencer Camille Charriere; il modello e influencer Oliver Cheshire; il modello inglese Toby Huntington-Whitely; lo chef Marcus Wareing; il pugile inglese David Haye; il nuotatore inglese Adam Peaty; l’attrice cinese Liu Shishi; il nuotatore italiano Filippo Magnini; l’attore giapponese Shohei Miura; l’attrice e modella tailandese Praya Lundberg; e l’attore indonesiano Nicholas Saputra.

L’evento "Lost in Space" si è concluso con la performance di ESKA, che ha deliziato gli ospiti con una travolgente versione del classico di David Bowie, Space Oddity. Il finale perfetto per una serata all’insegna dello spettacolo e dell’immaginazione.

 

 

Loading
/it/menu.html
/it/footer2.html/