constellation constellation deville deville seamaster seamaster speedmaster speedmaster baselworld2017 baselworld2017 baselworld2018 baselworld2018 specialities specialities starmen starmen

15 luglio 2017

OMEGA, Official Timekeeper dei Mondiali di Nuoto FINA

Indietro

Introduce una nuova tecnologia di cronometraggio per il nuoto in acque libere

La 17a edizione dei Mondiali di Nuoto FINA è iniziata a Budapest il 14 luglio e OMEGA ha messo in campo tutta la sua esperienza nel cronometraggio e nella gestione dei dati, per assicurare precisione e prestazioni degne dei grandi atleti che partecipano alle gare.

La casa orologiera svizzera, Official Timekeeper della competizione, servirà circa 3.000 atleti in tutte le 6 discipline: nuoto, pallanuoto, tuffi, nuoto in acque libere, tuffi dalle grandi altezze e nuoto sincronizzato.

Per le competizioni di nuoto in acque libere, che si stanno svolgendo nel bellissimo lago Balton, OMEGA ha introdotto una nuova tecnologia per garantire ancora più spettacolo per chi segue le gare dalle rive del lago.

Il team di cronometraggio si serve di due particolari boe posizionate nel campo di gara. Ogni boa contiene un’antenna in grado di captare il segnale emesso dallo speciale transponder che ogni nuotatore indossa al polso.

Nel momento in cui i nuotatori superano la boa, i tempi intermedi vengono inviati ai cronometristi, che a loro volta li mostrano sui cartelloni agli spettatori. Il sistema garantirà anche ai telespettatori a casa una miglior comprensione della gara e contribuirà a un’azione sempre maggiore.  

Alain Zobrist, CEO di OMEGA Timing: “La nuova tecnologia introdotta da OMEGA per le competizioni in acque libere a Budapest, renderà questo sport molto più semplice da seguire. Fino a oggi è stata una bella sfida per gli spettatori capire esattamente cosa stava succedendo. Con questa nuova tecnologia  le classifiche e i movimenti degli atleti saranno più chiare durante tutto lo svolgimento della gara”.

La nuova tecnologia lavorerà in tandem con l’OMEGA Open Water Gate, già utilizzata nella competizioni da diversi anni. Quando gli atleti toccano il gate alla fine della gara, il loro transponder registra l’impatto e il tempo viene fermato, garantendo un risultato accurato.